Manimpasta: i segreti del panzerotto

“E’ tutta una questione di ingredienti, combinazioni ed amore per la materia prima." - Lorenzo

Combinerete quantità perfetta di acqua e farina, maneggerete l’impasto, assaggerete le vostre creazioni. Lo spirito della vera nonna pugliese entrerà in voi per donarvi una delle capacità più preziose: fare il panzerotto più buono che ci sia!

Acqua, farina, lievito, olio extra vergine d’oliva e un pizzico di sale danno vita ad uno dei capolavori più invidiati del mondo: il panzerotto. Nato tra i vicoli della città vecchia di Bari, in concomitanza con la diffusione del pomodoro, sua maestà “il panzerotto” rappresenta non solo vanto e sfiziosità di semplice e rapida realizzazione, ma esalta e valorizza i gusti degli ingredienti tipici.

Questo semplice impasto riempito dei sapori più svariati è altresì riconosciuto come momento di convivialità e rimpatriate tra compaesani (ccummnedde) a ridosso delle principali festività. La panzerottata, infatti, raccoglie proprio tutti, non importa quale siano i gusti di ognuno. Frutto della cucina povera, si otteneva con la pasta di pane avanzata al quale si aggiungeva farina, olio e acqua. La ricetta tradizionale li vuole fritti nell’olio di extra vergine di oliva, oggi viene riproposto utilizzando gli ingredienti pregiati del territorio, miscele locali di farina con grano Senatori Cappelli, lenta lievitazione, mozzarella fresca prodotto in loco, e farciture con prodotti a km “0” cotti a temperatura controllata. Dal panetto lievitato, una volta steso, si aggiungono i classici ingredienti della “pizza” mozzarella e pomodoro e chiuso a mezzaluna con forchette o con le nocche delle mani, dà vita ad un pasto completo.

Tra le varianti più apprezzate, quelle tipicamente pugliesi sono ripieni di carne macinata e cime di rape stufate. Piatto forte della famiglia Cirasino è il panzerotto con ricotta forte, capocollo e caciocavallo. Anna, Lorenzo e loro figlio Nico vi aspetteranno a pochi isolati dal centro di Ostuni dove sarete trasportati nelle fasi preparatorie per la realizzazione e degustazione di panzarotti e puccette fritte.

Ideale per

Chi vuole tornare a casa propria con un pizzico di Puglia. Chi vuole infarinarsi con gusto e chi ama i sapori veri, quelli che coinvolgono gusto, olfatto, tatto e persino udito.

Di cosa hai bisogno:

Abbigliamento comodo che permetta il movimento energico degli arti superiori. Preparatevi a riempirvi di farina e a profumare della stessa croccantezza del panzerotto.

Chi incontrerai:

Anna, suo marito Lorenzo e loro figlio Nico pronti a farvi vivere la trazione pugliese.

Dove

Durata

2/4 h

Quando

  • Lunedì: 10.30 / 17.30
  • Mercoledì: 10.30 / 17.30
  • Giovedì: 10.30 / 17.30
  • Venerdì: 10.30 / 17.30

Incluso

Cooking class, materie prime, produzione di panzerotti e puccette fritte con successiva degustazione.

Non incluso

Eventuali bis, prodotti tipici presenti nel luogo del corso.