Manimpasta: le orecchiette della nonna

“Ho sempre fatto le orecchiette per la mia famiglia, insegnare agli altri come realizzarle è un onore!” - Anna

Un viaggio alla scoperta del simbolo culinario della Puglia: le orecchiette, piatto tipico per eccellenza. Indosserete i panni di un vero abitante di questa terra, scoprirete quali grani utilizzare per la pasta fresca, e produrrete le orecchiette con le vostre mani.

In un tempo non poco distante, ogni mattina tra i vicoli dei borghi e nelle masserie delle campagne avveniva una magia che ancora oggi ci fa sognare: la preparazione della pasta fresca fatta in casa, “stacciodde" e “strascinate”. Farina di grano duro, acqua e sale erano i pochissimi elementi necessari per far nascere uno dei capolavori simbolo della Puglia. Le donne con i loro taglieri di legno sulle gambe, con la semplice pressione del pollice, davano vita ad una forma concava, ruvida all’esterno e liscia all’interno, che sfamava l’intera famiglia.

L’origine storica di questa pasta tuttavia non è ben conosciuta, ma è indiscutibile che la Puglia ne conservi i segreti e le ricette più saporite del mondo. Le orecchiette fatte con la farina di grano arso, ad esempio, sono la dimostrazione che storia e tradizione coesistono per creare prodotti unici: le famiglie pugliesi più povere, non potendo acquistare la farina derivante dalla prima raccolta dei grani, dovevano accontentarsi del grano rimasto nei campi, che passando più tempo sotto il calore del sole, assumeva un colore più scuro, quasi fosse bruciato. A chi si chiede, invece, come sia nata questa forma concava, rispondiamo che non c’è una testimonianza storica che attesti la sua nascita: c’è chi dice che sia voluta proprio perché richiama la forma del trullo, altro simbolo di questa terra; altri spiegano invece che la pressione del pollice insieme al “trascinamento” dell’impasto sul piano di legno, velocizzasse il lavoro delle donne che, al mattino appena sveglie, dovevano produrre pasta per la loro famiglia numerosa; tutti però concordano che il nome derivi proprio dalla forma che richiama quella di un orecchio.

Insieme a “donna Anna” scoprirete ogni attimo di storia di questo impasto, impasterete con vigore, come avveniva un tempo, i grani più pregiati del nostro tavoliere, maneggerete utensili tipici delle donne pugliesi e darete quella forma così speciale ad una semplice combinazione di acqua e farina. Infine assaggerete tutto ciò che avete creato e conserverete quest’arte per sempre con voi.

Ideale per

Gli amanti del cibo buono; chi vorrebbe stupire i propri amici con una cena 100% pugliese e chi vorrebbe trascorrere due ore immerso totalmente a contatto con la pasta fresca più famosa della regione.

Di cosa hai bisogno:

Indossate indumenti comodi e che non avete paura di sporcare; la farina vola anche quando viene maneggiata dai più esperti del settore; se siete dei pasticcioni preparatevi anche agli incidenti di percorso. 

Chi incontrerai:

Anna, suo marito Lorenzo e loro figlio Nico pronti a farvi vivere la trazione pugliese.

Dove

Durata

2/4 h

Quando

  • Lunedì: 11:00
  • Martedì: 11:00
  • Mercoledì: 11:00
  • Giovedì: 11:00
  • Venerdì: 11:00
  • Sabato: 11:00

Incluso

Cooking class, materie prime, produzione di orecchiette con successiva degustazione.

Non incluso

Eventuali bis, prodotti tipici presenti nel luogo del corso.