Kouros a Palermo

A Palermo, il giovane ha finalmente messo la testa a posto
L’aveva persa secoli fa quando, nessuno sa perché, si era staccata dal suo magnifico torso; ora si può ammirare a Palazzo Branciforte.
All’interno della Sala della Cavallerizza, in un ideale dialogo con la collezione archeologica custodita nell'allestimento progettato da Gae Aulenti, è esposta la splendida scultura, risultato dell’assembramento del torso di un kouros e della sua testa ritrovata altrove ben due secoli prima.

La statua risale al V secolo a.C e le due parti che la compongono, ricavate da un unico blocco di marmo bianco proveniente dalle isole Cicladi, sono state rinvenute in epoche diverse negli scavi dell'antica Leontinoi, in provincia di Siracusa.
La testa è stata protetta sino a ieri al Museo del Castello Ursino di Catania.
Il tronco, invece, fu rinvenuto nel ‘900 dal re degli archeologi siciliani, quel Paolo Orsi che ha dato il proprio nome al Museo Archeologico di Siracusa, dove difatti veniva conservato il reperto.
L’idea di riunire i due pezzi è stata di Vittorio Sgarbi.
Una fissazione che ora, grazie all’intervento di Fondazione Sicilia si è trasformata in realtà.

Il termine kouros, in greco antico, indica un giovane nel pieno del suo sviluppo fisico e intellettuale.
Si tratta di una figura maschile in piedi, nuda e priva di qualsiasi riferimento individuale.
Incarna l’ideale di un uomo giovane, molto diffusa nel periodo arcaico e classico, dal VII secolo avanti Cristo.
La nudità del kouros rappresenta un tratto distintivo; è simbolica in quanto appresenta la virtù del coraggio (essere vestiti solo del proprio coraggio al cospetto degli dei).
Inoltre è anche funzionale alla rappresentazione della forza fisica che rinvia alla forza morale, intesa come equilibrio e armonia interiore.

A Palermo il kouros è ora esposto nella Sala della Cavallerizza, in un ideale dialogo con collezione archeologica, che da sempre è l’esposizione di punta della Fondazione Sicilia.
Alla ricostruzione di questa meraviglia ha lavorato un’équipe di esperti che ha portato a compimento l’intervento conservativo, condotto nei laboratori del Centro Regionale Progettazione e Restauro della Regione Siciliana.

Il Kouros ritrovato, Palazzo Branciforte, Palermo. Sino al 19 gennaio 2019. https://fondazionesicilia.it/it/patrimonio/palazzo-branciforte_a106

Dove

Quando

21/11/2018 - 13/01/2019