In passato, la Riviera di Levante è stata fonte ispiratrice per scrittori e artisti di fama nazionale e internazionale. I precursori furono Dante Alighieri e Francesco Petrarca, a cui seguirono Stendhal, Manzoni e Freud nell'Ottocento. Nel secolo scorso hanno soggiornato qui poeti del calibro di Ungaretti, Montale ed Hemingway.

Di seguito trovate tutte le principali destinazioni turistiche presenti nella Riviera di Levante, con le più importanti città e attrazioni da visitare.

Cinque Terre

Le Cinque Terre sono uno dei fiori all'occhiello della Riviera di Levante. La loro natura incontaminata attrae ogni anno migliaia di visitatori stranieri durante tutti i dodici mesi dell'anno, in particolare durante la stagione estiva. I cinque borghi antichi di pescatori che si affacciano sul mar Tirreno sono Corniglia, Manarola, Monterosso, Riomaggiore e Vernazza.

Corniglia

Tra i cinque borghi appena elencati, l'unico inaccessibile via mare è Corniglia, antico centro romano. I visitatori che desiderano raggiungere il borgo di Corniglia devono salire lungo la Landarina, costituita da quasi 400 gradini. In alternativa, si può percorrere in auto una strada che dalla ferrovia conduce al centro del paese. L'attrazione principale è la chiesa gotica di San Pietro, unita allo Spiaggione, la spiaggia in ciottoli di Corniglia.

Manarola

Agli occhi dei turisti che visitano le Cinque Terre per la prima volta, Manarola appare come un quadro dipinto. I più importanti punti d'interesse sono la Chiesa di San Lorenzo, il vecchio mulino e l'Oratorio dei Disciplinati della Santissima Annunziata. Manarola regala ai suoi ospiti una spettacolare vista sulla costa ligure e sul mar Tirreno. Difficilmente troverete in altri luoghi un panorama tanto affascinante e suggestivo.

Monterosso

Il borgo di Monterosso è associato alla figura ingombrante del celebre poeta italiano Eugenio Montale, nato a Genova alla fine dell'Ottocento. Montale dedicò numerose rime al piccolo gioiello delle Cinque Terre, consentendogli di raggiungere l'immortalità letteraria. Durante un breve soggiorno a Monterosso si segnala la presenza del Castello a picco sul mare, la Torre Aurora e, per chi ama il mare, la sua spiaggia, che è la più estesa di tutte le Cinque Terre.

Riomaggiore

Chi arriva a Riomaggiore nel mese di dicembre potrebbe avere qualche difficoltà nell'identificare uno dei borghi più belli dell'area nominata Patrimonio dell'Umanità UNESCO negli anni Novanta. Riomaggiore infatti può essere scambiato per un presepe, merito delle tante piccole case costruite in verticale l'una sopra l'altra. Da non perdere il suggestivo percorso chiamato via dell'Amore, che da Riomaggiore conduce fino al borgo di Manarola in un crescendo di emozioni.

Vernazza

Vernazza rientra di diritto nel circuito dei borghi più belli d'Italia. Il punto più iconico è rappresentato dal porticciolo turistico, alle cui spalle si estendono tante piccole case colorate. Merita sicuramente una visita la parrocchia di Santa Maria di Antiochia, l'edificio religioso più importante dell'antico borgo medievale della Riviera di Levante. Allo stesso modo, Vernazza è famosa per ospitare il bellissimo Santuario di Nostra Signora di Reggio.

Porto Venere

Insieme alle Cinque Terre e Portofino, Porto Venere (o Portovenere) è la destinazione turistica preferita da migliaia di visitatori stranieri ogni anno. L'antico borgo di pescatori è situato all'estremità del Golfo dei Poeti, nella provincia della Spezia. Secondo un'antica leggenda, nelle acque che bagnano il piccolo comune ligure sarebbe nata Venere, identificata come la dea dell'amore tra gli antichi greci.

Dopo aver varcato la Porta d'Ingresso (si chiama letteralmente così), un breve percorso composto da piccoli vicoli e stradine vi conduce al Castello Dorio, punto iconico di Porto Venere. La costruzione del maniero risale ai primi anni del XVI secolo e rappresenta una delle più imponenti fortezze militari costruite durante la Repubblica di Genova, a testimonianza della forza che aveva raggiunto la Repubblica marinara di Genova in quel periodo.

In una poesia che Eugenio Montale dedicò a Porto Venere, la chiesa di San Pietro viene ribattezzata come cristiano tempio, sorto dai resti di un antico culto pagano (secondo gli storici in passato sorgeva il santuario dedicato alla dea Venere). L'edificio religioso come lo si conosce oggi risale alla fine del XII secolo.
Proprio sotto la chiesa di San Pietro sorge la cosiddetta grotta di Byron, chiamata così perché in questo luogo il celebre scrittore e poeta vissuto tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento traeva ispirazione per la composizione delle sue opere letterarie.

La grotta di Lord Byron insieme alla grotta Azzurra rientrano nell'escursione della durata inferiore ai 60 minuti organizzata per i turisti che desiderano visitare le tre piccole isole del Golfo dei Poeti (Tinetto, Tino e Palmaria). Anche loro, così come le Cinque Terre, sono state dichiarate Patrimonio dell'Umanità UNESCO.

Portofino

Proseguendo lungo la Riviera di Levante in direzione Genova, si incontra Portofino, località molto gettonata tra i visitatori (in particolare quelli più facoltosi). Portofino sembra quasi una cartolina, e magari è proprio su una cartolina speciale che l'avete vista per la prima volta, con gli immancabili yacht ancorati a pochi metri dalla riva.

Il simbolo di Portofino è la Piazzetta, la piazza che si affaccia direttamente sul porto e che accoglie migliaia di visitatori durante la stagione estiva a tutte le ore del giorno. Il centro cittadino è caratterizzato da tante piccole case colorate, che donano a Portofino un aspetto unico.

I maggiori luoghi d'interesse durante un breve soggiorno a Portofino sono la chiesa di San Martino, la chiesa di San Giorgio (patrono della città) e il castello Brown. Il consiglio è di salire sulla torre dell'antico maniero, così da poter godere di un panorama mozzafiato sull'intera costa, tanto che è possibile ammirare da qui il golfo di Tigullio nelle giornate di sole con cielo terso.

Da non perdere poi l'abbazia di San Fruttuoso, che si trova nelle immediate vicinanze del paese di Portofino. L'abbazia benedettina può essere raggiunta sia in barca via mare oppure a piedi, percorrendo i sentieri che dal monte Portofino conducono fino al prezioso gioiello di questa area. Una volta che arriverete all'abbazia avete l'opportunità di godere di un silenzio irreale, diventando voi stessi parte di una natura spettacolare.

Baia del Silenzio

La Baia del Silenzio è la perla del tratto costiero di Sestri Levante. Sia durante la stagione estiva che in quella invernale, la Baia del Silenzio offre ai suoi ospiti atmosfere magiche, testimonianza perfetta di come la natura può camminare a braccetto con l'uomo senza fare rumore.

La Baia del Silenzio è anche la spiaggia preferita degli abitanti di Sestri Levante, che dal centro del caratteristico borgo di pescatori raggiungono la piccola insenatura in breve tempo. Lungo questo tratto di costa il meteo è spesso ballerino, nella stessa giornata possono infatti alternarsi sole, nuvole e pioggia, elemento che rende la Baia del Silenzio un luogo ancora più affascinante di quanto già non lo sia.

 

Le nostre case in Liguria
Le nostre esperienze in Liguria