Le spiagge della Puglia

A Nord il Gargano, a Sud la riserva naturale di Torre Guaceto e poi a Ovest con altri 100 km di costa e pinete

A nord
Il promontorio del Gargano offre un paesaggio mozzafiato: colline boscose lasciano il posto a bianche scogliere, cataste di mare, mari cristallini, sabbie dorate e baie paradisiache coperte da piccoli ciottoli. Le spiagge intorno a Rodi Gaganico, Peschici e Vieste sono celebri tra i vacanziaeri di ogni nazionalità , ma uscendo dai sentieri battuti - idealmente in barca – è possibile ancora imbattersi in vere gemme nascoste.

Verso sud
La costa adriatica tra Manfredonia e Bari, è formata da spiagge di sabbia e ciotoli, dalle saline della Riserva Margherita di Savoia ed è punteggiata da città incantevoli come Trani con la sua Cattedrale di fronte al mare. Oltre Bari, la costa diventa rocciosa ma è punteggiata da macchie di spiaggia sabbiosa, come quella di Polignano a Mare e Monopoli, cittadine che meritano comunque una visita. Ancora più a sud Intorno a Brindisi, le mete predilette sono i lidi sabbiosi di Marina di Ostuni e la Riserva Naturale di Torre Guaceto, che combina boschi incontaminati, macchia mediterranea e chilometri di spiaggia. Ci si può imbattere in uno stormo di fenicotteri, solo una delle dozzine di specie di uccelli migratori che passano di qui.

Scogliere bianche
Proseguendo ci si imbatte in San Cataldo con le sue incantevoli spiagge sabbiose e una riserva naturale di fronte al mare. Da qui in avanti la vista si fa più drammatica: le magnifiche scogliere bianco-calcare scolpite dal mare, le acque trasparenti e le spiagge sabbiose di Torre dell'Orso non si possono perdere. 

Verso est
La città fortificata di Otranto è un altro luogo immmancabile di questa costa. Oltre che per il suo interesse storico e architettonico, per le diverse incantevoli spiagge sabbiose, una delle qual proprio nel centro della città. 2 miglia a sud di Otranto, ecco Capo d'Otranto, il punto più orientale d'Italia. Da qui in poi si raggiunge la punta dove i mari Adriatico e Ionio si incontrano e si confondono: è Santa Maria di Leuca, con le sue scogliere rocciose, costellate da insenature, come quella di Porto Badisco.

Verso Ovest
Da Santa Maria di Leuca, con il suo faro strategicamente posizionato e le sontuose ville liberty, si raggiunge facilmente uno dei tratti di spiaggia sabbiosa più belli d'Italia: 6 chilometri lungo la Marina di Salve, attraverso Marina di Pescoluse, fino a Torre Pali. Una breve interruzione di costa rocciosa lascia presto il posto alle spettacolari acque turchesi con fondo sabbiaso di Torre Mozza e Marina di Ugento.

Risalendo verso nord
15 km circa e si arriva al Punto del Pizzo, l'inizio del golfo di Gallipoli: anche qui spiagge di sabbia incantevoli accessibili attraverso profumate pinete. Gallipoli vale in sé una vista, ma ci sono ancora 100 km di costa disponibili. Quella di Rivabella è ancora sabbiosa ma subito dopo, e fino a Taranto, tratti di roccia si alternano a lunghe distese sabbia: come quelle di San Caterina di Nard, o di Porto Cesareo delimitato dal suo promontorio, dall'offshore dell’ Isola dei Conigli, e da 20 chilometri di spiaggia continua lungo il tratto di costa esposto a sud sotto Manduria, tra Punto Prosciutto di Acqua Dolce.

Ancora a nord ovest
Anche la costa che prosegue a nord-ovest verso Taranto, vanta molte graziose cittadine con le loro baie sabbiose. Da Taranto, la costa pugliese prosegue verso ovest dove a 40 km, si trova la riserva naturale di Stornara con la sua sinuosa distesa di sabbia che arriva fino al confine con la Basilicata ...