Palermo Romantica

Un bacio sottol’Arco Azzurro di Mongerbino, a pochi chilometri da Palermo, vale l’amore eterno. Quel lembo di roccia sottilissimo che unisce due costoni a picco sul mare è famoso in tutto il mondo per essere stato l’immagine simbolo dei Baci Perugina…

Visitate guidate
Un viaggio nella Palermo romantica non può che iniziare da lì, con le visite guidate organizzate da cooperative sociali e associazioni naturalistiche.
Città sanguigna e passionale, Palermo offre mille spunti alle coppie romantiche. Una nuova versione dell’approccio alla città, col suo racconto di amori impossibili, è diventato una passeggiata nel segno di love and culture grazie all’iniziativa di un gruppo di ragazzi palermitani che periodicamente propongono il Tour dell’Ammore, viaggio serale nei quartieri e nelle piazze di Palermo.

…e non
Altro luogo panormita travolto dalla passione è Piazza Kalsa, l’antica Al Halisah (La Pura), antica roccaforte del dominio arabo sulla città.
In quel quartiere la tradizione vuole si sia consumato millenni fa un truculento omicidio passionale. Una ragazza palermitana sedotta da un “Moro” (termine con cui venivano indicati i dominatori di pelle scura) uccise il suo amante dopo avere scoperto che era sposato e con prole. Ma la donna non volle separarsi dal suo amato e gli tagliò la testa tenendola per sempre accanto a sé.
Da questa leggenda nasce la tradizione delle “teste di moro”, vasi che riproducono – in proporzione esatta - le fattezze dei capi di donne e uomini ornati e colorati.
Leggende a parte, una passeggiata romantica tra i giardini e i palazzi storici della Kalsa non può che terminare di fronte alle bancarelle dello street food palermitano più spinto, con le ceste di “babbaluci”, le leggendarie chiocciole saltate in padella con olio, aglio e prezzemolo, tocco afrodisiaco indispensabile per un tour romantico.
A pochi passi dalla Kalsa, poi, è possibile visitare la Galleria Abatellis, dove sono esposte opere di Antonello da Messina, Van Dijk, Novelli e Gagini.
Bastano pochi minuti a piedi dalla Kalsa per arrivare all’Orto Botanico, uno scrigno di natura imperdibile da attraversare mano nella mano.